Mastoplastica Riduttiva

Le donne con il seno molto grande spesso sono afflitte da mal di schiena cronico ed errata postura, nonché da alterazioni della cute nella piega sottomammaria e un fastidioso senso di pesantezza e un solco in corrispondenza delle spalline del reggiseno.

Questa condizione comporta costanti disagi nelle attività quotidiane, nel vestirsi, nel praticare sport. Tutto ciò può portare a scarsa autostima e disagio sociale con conseguente desiderio “da sempre” di fare una riduzione del volume mammario.
Sono generalmente le pazienti più soddisfatte e felici nel post operatorio, poiché oltre al risultato estetico hanno un reale miglioramento della qualità della vita!

La Riduzione del seno, una procedura chirurgica che riduce le dimensioni del seno e ne rimodella il profilo.

Questo intervento è autorizzato dal Sistema Sanitario Nazionale solo nei casi di gigantomastia vera e propria.
Le tecniche sono molte ma essenzialmente l’intervento consiste nell’asportazione del tessuto cutaneo e ghiandolo-adiposo in eccesso e nel riposizionamento del complesso areola capezzolo per creare un seno più piccolo ed armonico nel suo rapporto con il torace e con il resto del corpo.
Le cicatrici saranno periareolari e verticali, talvolta nel solco sottomammario, ossia la classica cicatrice a T invertita.
Un intervento di mastoplastica riduttiva viene eseguito in anestesia generale, in regime di Day Surgery o di ricovero di una notte.
Dopo la procedura, che nelle mie mani dura circa 3 ore, ci saranno un drenaggio per parte e le suture, che essendo tutte intradermiche non hanno bisogno di essere rimosse.
La medicazione consisterà in un reggiseno contenitivo che dovrà essere indossato per un mese.

La maggior parte delle pazienti richiede solo farmaci antidolorifici per i giorni successivi all’intervento e tornano a lavorare dopo una settimana.

I risultati di una riduzione del seno sono visibili immediatamente ed il contorno del seno continua a migliorare nel corso dei successivi sei-dodici mesi.

La Dottoressa Lo Russo può aiutarti a ridurre il tuo seno armonicamente grazie ad una un’esperienza pluridecennale nell’ambito della chirurgia mammaria plastica, ricostruttiva ed estetica eseguita sia privatamente che nella struttura ospedaliero-universitaria dove lavora, di collaborare con i senologi e di entrare nel gruppo multidisciplinare che cura i disturbi di identità di genere.

Quando scegliere questo tipo di intervento di chirurgia estetica

Questo intervento di riduzione del seno a Firenze, in Toscana è particolarmente indicato per:

  • le donne che hanno un seno molto voluminoso e cadente e che desiderano migliorare il loro aspetto fisico o risolvere limitazioni in ambito sportivo o lavorativo e relazionale;
  • donne con patologia mammaria congenita o acquisita che richiedono una simmetrizzazione mammaria.

Cosa ti consigliamo di fare prima di affrontare un’operazione di mastoplastica riduttiva

Come per ogni intervento è necessaria una valutazione preoperatoria delle condizioni generali della paziente, durante la quale si deciderà il tipo di tecnica chirurgica.
Importante astenersi dall’assumere farmaci antiinfiammatori, fans, terapie scoagulanti per 15 giorni precedenti l’intervento
Ridurre o smettere di fumare
È necessario effettuare un’ecografia mammaria o una mammografia per escludere l’eventuale presenza di una patologia a livello mammario.
In ogni caso il tessuto ghiandolo adiposo verrà inviato per esame istologico.

Quale sarà il decorso post operatorio della mastoplastica riduttiva

A conclusione dell’operazione saranno effettuati controlli e medicazioni ricorrenti nei primi 14 giorni.

I punti di sutura si riassorbiranno naturalmente ma si consiglia di riposare e di limitare l’attività fisica per almeno dieci giorni.

È consigliabile inoltre indossare un reggiseno contenitivo per i primi 30 giorni post operatori.

Condividi