Da Orlan a Loredana, dal corpo alle identità mutanti: quando la chirurgia estetica diventa arte

Orlan e Loredana Berté ci dimostrano che la devastazione del corpo è una cifra stilistica integrante alla bellezza.

Ho conosciuto Orlan da molto piccola. Mio padre, chirurgo plastico e artista, mi portò all’inizio degli anni ‘80 a vedere una sua performance. Da allora non l’ho mai dimenticata.
Orlan, nasce nel 1947 in un piccolo paese vicino a Lione da una madre bigotta, in una famiglia proletaria. Il suo lavoro, faticosissimo in tutti i sensi, si sviluppa in una destrutturazione fisica dei canoni estetici imperanti. Il suo sangue, i suoi muscoli, il suo corpo sottoposto a continui interventi chirurgici diventano la zona di confine dell’identità.

Ognuno dei suoi happening in sala operatoria viene documentato con materiale fotografico e video. Il  corpo si apre, il bisturi penetra, taglia e modifica. Famosi gli interventi alla fronte, uguale a quella della Gioconda del Michelangelo e quello al mento uguale alla Venere del Botticelli.

Come possiamo leggere nel suo MANIFESTO della Carnal Art, l’artista non è interessata al risultato ma al processo dell’intervento chirurgico, all’attuazione dello spettacolo del corpo che diventa luogo di dibattito pubblico. Con Orlan la chirurgia estetica sconfina in un atto artistico, a volte sovversivo, vivente, voluto e realizzato scientificamente con produzioni incredibili.

Chiunque lavori nell’ambito della chirurgia estetica finisce per maturare, nel tempo, una sua personalissima concezione del bello, frutto del proprio gusto e di continui stimoli e riflessioni che la professione inevitabilmente offre. Per quanto mi riguarda, sono convinta che la bellezza sia qualcosa di strettamente connesso alla personalità dell’individuo. La mia aspirazione, quando lavoro, è che i miei pazienti si riconnettano, attraverso il mio intervento, alla parte più autentica di se stessi facendola riemergere e valorizzandola. Concetti che Suzanne Noel ha introdotto in veste di prima donna chirurgo estetico. La bellezza, anche se costruita, conserva sempre un rapporto molto stretto con la naturalezza.

Continua a leggere su ReWriters Magazine.

Condividi
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Fissa un appuntamento con la Dott.ssa Giulia Lo Russo, telefonando allo 055 244950, dal lunedì al venerdì in orario 9-19.

La Dott.ssa Giulia Lo Russo opera a Firenze presso la clinica privata Day Surgery Center Maurizio Bufalini.
Articoli recenti

I dati che raccogliamo (cookie) ci permettono di capire come utilizzi il nostro sito, quali informazioni ti potrebbero interessare e cosa possiamo migliorare per rendere più coinvolgente la tua esperienza di navigazione.

Possiamo raccogliere e utilizzare i dati per offrirti un'esperienza personalizzata?

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookie. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie ci permettono di contare le visite e le sorgenti di traffico per poter migliorare le prestazioni del nostro sito web.

Monitoriamo in forma anonimizzata gli accessi a questo sito.
  • _gat_gtag_UA-49127342-6
  • _ga
  • _gid

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi