Bello e buono, rivediamo il concetto di kalokagathìa oggi: con un libro

Pochi giorni fa, alle 6.50 del mattino mi sono imbattuta nel direttore della clinica dove lavoro nel pubblico, dove opero i miei ragazzi transmen, quindi dove svolgo attività non di chirurgia estetica e medicina estetica.

Un uomo estremamente concreto, grandissimo lavoratore, sensibile ma sufficientemente distaccato per lavorare nella sanità a livello dirigenziale. Mi ha sparato tutto un discorso sul bello e buono dei greci antichi che a quell’ora francamente mi ha lasciata stordita. Felicemente stordita! Ed ho studiato e riflettuto su questo nei giorni successivi.

Chiunque abbia un po’ di dimestichezza con gli studi classici, ha avuto modo di imbattersi, prima o poi, in quella che gli antichi greci chiamavano la kalokagathìa (καλοκἀγαθία). Si tratta di una parola intraducibile, se non con una perifrasi che racchiude al suo interno i concetti di bellezza e di nobiltà d’animo. Dal punto di vista strettamente etimologico la kalokagathia non è altro che la contrazione di due aggettivi che nella letteratura greca ricorrevano spesso in coppia: kalós kai agathós, bello e buono.

Impossibile dimenticare le descrizioni con cui Omero presentava i suoi eroi: giovani e belli nell’aspetto, ma anche valorosi, virtuosi, e pronti a combattere con grande coraggio. Ecco appunto, bello e buono. Per il popolo che ha dato vita alla democrazia, ciò che era bello era necessariamente anche buono. La bellezza come dono concesso dagli dei ad alcuni uomini, prescelti per compiere nobili azioni. L’aspetto esteriore di una persona, insomma, era destinato a riflettersi nel suo comportamento.

Questo ideale, spiegano gli studiosi, attraversò tutta la cultura dell’Ellade fino ad arrivare ai raffinati Sofisti, i filosofi che, con le loro idee, ravvivarono la scena culturale dell’Atene del V secolo avanti Cristo. Per i filosofi di quest’età dell’oro, la kalokagathia era un qualcosa che caratterizzava la figura di quello che allora era il saggio e che oggi forse chiameremmo l’intellettuale, colui che coltiva la virtù e si differenzia, in modo consapevole, dalla massa.

Continua a leggere su ReWriters Magazine.

Condividi
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Fissa un appuntamento con la Dott.ssa Giulia Lo Russo, telefonando allo 055 244950, dal lunedì al venerdì in orario 9-19.

La Dott.ssa Giulia Lo Russo opera a Firenze presso la clinica privata Day Surgery Center Maurizio Bufalini.
Articoli recenti

La diastasi dei muscoli retti

È un inconveniente – se così si può dire – che capita soprattutto alle donne sportive. Si chiama diastasi dei retti e consiste nell’allontanamento dei …

Leggi tutto »

I dati che raccogliamo (cookie) ci permettono di capire come utilizzi il nostro sito, quali informazioni ti potrebbero interessare e cosa possiamo migliorare per rendere più coinvolgente la tua esperienza di navigazione.

Possiamo raccogliere e utilizzare i dati per offrirti un'esperienza personalizzata?

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookie. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie ci permettono di contare le visite e le sorgenti di traffico per poter migliorare le prestazioni del nostro sito web.

Monitoriamo in forma anonimizzata gli accessi a questo sito.
  • _gat_gtag_UA-49127342-6
  • _ga
  • _gid

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi