Quanto pesa avere coraggio? Una riflessione del chirurgo che opera le persone transgender a partire da questo libro

L’espressione transessuale è inappropriata perché contiene un richiamo alla sessualità. Parlare di transgender significa riferirsi all’identità di una persona.

Le parole sono importanti, perché raccontano le cose, e pur nella loro intrinseca limitatezza, ne restituiscono la dimensione. Credo quindi che, ognuno di noi, quando sceglie le parole con cui esprimersi, abbia il dovere di avvicinarsi il più possibile alla verità. Da molto tempo, nella mia vita professionale, mi occupo di persone che con grande coraggio scelgono di affrontare il difficile percorso che li porta a cambiare genere. 

Ogni volta, prima di parlare di un intervento chirurgico, cerco di instaurare una relazione di ascolto con la persona che mi trovo di fronte in modo da raccogliere le sue motivazioni profonde e le sue esigenze. Questa comprensione mi guida poi nel lavoro vero e proprio che si svolge, ovviamente, in sala operatoria. Negli anni, posso dire che ognuna di queste persone mi ha arricchita, condividendo con me la sua storia. Anche la relazione con i familiari è sempre per me molto importante ed interessante, essendo spesso sempre di più i ragazzi molto giovani che affrontano il percorso di transizione.  

Ed è proprio in questo contesto che ho imparato quanto le parole siano importanti: quelle sbagliate, possono ferire, irritare, allontanare mentre quelle giuste, aiutano, curano, accompagnano la persona. Da chirurgo devo ammettere che ho fatto fatica a comprendere le sottili differenze semantiche che descrivono e raccontano questa condizione tanto delicata e tanto legata al nucleo più profondo di un essere. Ma questa fatica si è rivelata preziosa, mi ha portata a riflettere a lungo sull’opportunità di usare un termine piuttosto che un altro e, ormai, quando mi riferisco ai miei pazienti, mi trovo a mio agio solo utilizzando la parola transgender

Trovo del tutto inappropriata l’espressione transessuale perché al suo interno contiene un richiamo alla sessualità che non rende giustizia al bisogno di autenticità e di verità che caratterizza il percorso di queste persone. Il loro cammino, spesso accidentato, ha origine dal fatto di non riconoscersi nel proprio genere e la molla che li spinge al cambiamento è quella di recuperare l’armonia tra come appaiono agli altri e ciò che invece percepiscono nel profondo quando pensano a se stessi. Dopo aver conosciuto moltissime di queste persone, e averle operate, sono sempre più convinta che la sessualità, non ha alcun ruolo nella transizione. L’orientamento sessuale è separato dall’identità di genere. Le persone transgender, come i cisgender, possono avere tutti gli orientamenti sessuali. Possono essere gay, bisessuali, pansessuali, asessuali…

Continua a leggere su ReWriters Magazine.

Condividi
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Fissa un appuntamento con la Dott.ssa Giulia Lo Russo, telefonando allo 055 244950, dal lunedì al venerdì in orario 9-19.

La Dott.ssa Giulia Lo Russo opera a Firenze presso la clinica privata Day Surgery Center Maurizio Bufalini.
Articoli recenti

I dati che raccogliamo (cookie) ci permettono di capire come utilizzi il nostro sito, quali informazioni ti potrebbero interessare e cosa possiamo migliorare per rendere più coinvolgente la tua esperienza di navigazione.

Possiamo raccogliere e utilizzare i dati per offrirti un'esperienza personalizzata?

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookie. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie ci permettono di contare le visite e le sorgenti di traffico per poter migliorare le prestazioni del nostro sito web.

Monitoriamo in forma anonimizzata gli accessi a questo sito.
  • _gat_gtag_UA-49127342-6
  • _ga
  • _gid

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi